Libri per la nanna per dormire meglio


La giornata sta per volgere al termine. Anche i bimbi, come i genitori, hanno avuto una giornata densa di impegni: sveglia all’alba, scuola materna (o asilo), dove hanno ascoltato fiabe, imparato nuove cose, disegnato, cantato. Poi, magari con i nonni o un amichetto, giochi sfrenati per tutto il pomeriggio. Infine di nuovo a casa con i genitori e cena. Finalmente, arriva l’ora della nanna.

Ma si sa. Anche se stanchi morti, alcuni bambini non hanno proprio voglia di andare a letto. No, no e no! Piuttosto che dormire, meglio correre per tutta casa, cercando di scappare da mamma e papà che – stremati – cercano di metterci il pigiamino.

Ecco però una possibile soluzione che potrà essere di aiuto a molti genitori: i libri per la nanna. I titoli sul tema non mancano. Personalmente, navigando su internet e spulciando il catalogo della biblioteca, ho trovato due albi illustrati che mi sono particolarmente piaciuti. Vediamoli insieme!

Non ho sonno” dell’autrice francese Marion Cocklico ha per protagonista Ned, un bambino che proprio non ne vuole sapere di fare la nanna. Ma alla fine, tra il bagnetto, il pigiama da indossare e la storia della buonanotte, cederà al sonno in men che non si dica.  

Copertina di “Non ho sonno”

Il volume è un cartonato pubblicato da Fabbri Editori. Rivolto a bambini dai 3 anni circa, è arricchito da alette e meccanismi interattivi pensati per attrarre proprio l’attenzione dei piccoli lettori. Inoltre, come altri prodotti della stessa casa editrice (potete trovarne un altro esempio in questo mio post di qualche mese fa), il testo è accompagnato da piccole note non invasive per la lettura, che contengono però preziosi consigli pratici destinati ai genitori. In questo modo mamma e papà potranno accompagnare i propri bimbi in questo piccolo grande passo, evitando drammi e lacrime.

Il secondo dei due libri per la nanna si intitola “Ti sfido a non sbadigliare”. Il testo è di un’altra autrice francese per bambini e ragazzi, Hélène Boudreau, ed è accompagnato dalle illustrazioni di Serge Bloch. Il libro è stato pubblicato nel 2016 da Edizioni Clichy, una piccola casa editrice fiorentina specializzata in testi dal francese.

La copertina di “Ti sfido a non sbadigliare”

Le immagini sono molto belle (il tocco di Bloch mi ricorda un po’ quello di Quentin Blake, iconico illustratore inglese) e a tutta pagina, mentre il testo è un divertente monito dell’autrice al bambino che non ne vuol sapere di andare a letto. Stai attento, dice la Boudreau al piccolo lettore,

[g]li sbadigli sono furbi.

Ti colgono di sorpresa quando meno te lo aspetti.

E quando la mamma ti vede sbadigliare, ti spedisce immediatamente a letto. E allora, che fare? Devi resistere, afferma l’autrice. Ma si sa, gli sbadigli sono anche contagiosi, perciò bisogna stare all’erta perché in casa iniziano a sbadigliare tutti… persino il gatto!

Una pagina interna del libro

Insomma, due bei libri per la nanna da godersi al calduccio del proprio lettino, magari letti da mamma o papà.

 

*Il presente blog non detiene alcun diritto sulle immagini che compaiono in questo articolo, che sono qui riportate unicamente a scopo illustrativo.